La storia della carota dal lontano Afghanistan fino all’Olanda, trasformando i propri colori e sapori. Scopriamo insieme l’ortaggio con il maggior apporto di carotene in assoluto.

Dall’Afghanistan

Le prime carote comparvero per la prima volta in quello che è oggi l’odierno Afghanistan. Pur essendo già conosciuta dai romani e dai greci, inizialmente la specie non ebbe molta fortuna in Europa, venendo utilizzata per lo più in medicina. I cultivar europei, infatti, erano di color tendente al bianco, con un sapore generalmente sgradevole ed amaro, cosa che ne segnò il raro uso. La varietà afghana, al contrario, era la diretta progenitrice della carota odierna, solo molto più scura.

carotaOriginariamente, infatti, la specie non aveva il colore arancione al quale siamo abituati, bensì una sorta di rosso molto scuro, tendente al nero. Grazie alla Via della Seta la pianta venne conosciuta ed apprezzata anche nel resto del mondo, cosa che portò poi alla sua colorazione odierna. In Olanda, nel 1700 nacque il primo esemplare di carota arancione, che venne subito apprezzata particolarmente per il sapore e per questa caratteristica. La casata regnante si chiamava infatti “d’Orange” che trasformò il frutto in un suo simbolo. In realtà il tutto era semplicemente dovuto alla giusta dose di carotene, elemento che, appunto, dona la colorazione arancione. Dai Paesi Bassi si diffonderà poi in tutto il mondo, diventando “la Carota”.

Ricca di minerali

Oltre ai bei colori ed alla bella storia, quest’ortaggio si distingue anche per le sue eccellenti proprietà nutritive, cosa che lo resero nel tempo anche una sorta di panacea per svariati mali. Ciò è sicuramente dovuto all’enorme presenza di minerali quali: ferro, calcio, magnesio, rame e zinco; inoltre fornisce anche un’incredibile apporto di vitamina A, B e C.

carotaElemento principe rimane comunque il carotene, di cui rimane la regina assoluta. Basti pensare che con 200 grammi di carote si supera dalle 5 alle 10 volte il fabbisogno giornaliero di questo elemento. Proprio in virtù di ciò, l’olio essenziale di carota è spesso usato in cosmetica per creme abbronzanti, anti invecchiamento e lozioni per la ricrescita dei capelli. Un vero e proprio tesoro arancio.

Menta, l’erba degli inferi. Seguiteci sulla nostra pagina Facebook e Instagram, il vostro appuntamento quotidiano con il lifestyle sostenibile.

Menu