Quali sono le caratteristiche per potersi definire un’azienda sostenibile?
Molti pensano che la sostenibilità abbia a che fare solo con l’impegno a non inquinare l’ambiente o a ridurre o a cancellare le emissioni dannose nell’atmosfera. Ma seguendo l’agenda dell’Onu 2030, si apprende che questa riguarda anche le pari opportunità, la responsabilità sociale, l’attenzione e la cura delle persone, il migliorare le condizioni sanitarie e alimentari dell’uomo, l’educazione e molto altro.

Mantero, il personale come famiglia

Mantero, azienda tessile storica, a conduzione familiare, fondata a Como da Riccardo Mantero nel 1902, leader nella creazione, produzione e distribuzione di tessuti e accessori tessili di lusso – femminili e maschili -, con una storia artigianale che si tramanda da 4 generazioni persegue questi valori da tempi non sospetti. “Quello della sostenibilità è un lavoro che, quando inizia, non termina più, ma è il suo bello perché si innesta un circolo virtuoso che obbliga tutte le persone che sono in contatto con le aziende sostenibili, ad adeguarsi” ha commentato Franco Mantero, amministratore delegato e membro della 4 generazione al comando dell’azienda.

Mantero

Lucia Mantero

“Molti non comprendono che i prodotti, in questo caso i nostri tessuti, sono migliori proprio perché le persone sono coltivate da noi, ad esempio, abbiamo una dipendente che stiamo sostenendo con un master presso l’Università di Bergamo. Lo scorso anno abbiamo distribuito un bonus a tutti i dipendenti di circa 1000 euro. Organizziamo corsi di yoga perché se ci si rilassa, si lavora meglio, senza contare che durante i corsi, molte persone che non lavorano insieme, riescono a instaurare una relazione e a conoscersi meglio”.

Non solo zero emissioni

Ma non è solo questo che rende diversa l’azienda che nel territorio comasco, che da tempo anela a tornare a essere leader nel settore serico, è la prima azienda familiare a mostrare una certa longevità, oltre che ottimi fatturati: lo scorso anno, Mantero ha introdotto un processo di revisione delle procedure interne e ottenuto certificazioni importanti: ISO 14001 per l’ambiente, BS OHSAS 18001 per la salute e la sicurezza sul luogo di lavoro, SA 8000 per la responsabilità sociale. Nello stesso anno sono stati portati a termine progetti che riflettono la tutela delle risorse energetiche, si è intensificato l’impegno in materia di innovazione con un processo di stampa dei tessuti con coloranti esenti da metalli e si è ottenuta la certificazione Global Organic Textile Standard per la tessitura e la stampa di tessuti organici in seta e cotone.

Mantero

Lucia Mantero e Franco Mantero

Non solo: l’azienda che vanta un forte legame con il territorio e la comunità che ci vive, lo scorso anno ha inserito in collaborazione con un’associazione collegata a UNHCR alcuni rifugiati politici al suo interno per dare loro l’opportunità di crescere professionalmente e rifarsi una vita, inserendosi nel territorio. Ma in quale modo il distretto comasco può tornare a brillare in questo settore facendo sistema con tutte le altre aziende sparse sul territorio: “Io credo – ha detto Mantero – che la rivincita di questo territorio passi proprio per l’eccellenza della sostenibilità. Se tutte le aziende investissero in questo tipo di cultura, non ci batterebbe nessuno”.

Breve storia del peperoncino in Italia. Seguiteci sulla nostra pagina Facebook e Instagram, il vostro appuntamento quotidiano con il lifestyle sostenibile. 

Menu