Menta, l’erba degli inferi

La menta è una delle piante in assoluto più amate nella storia dell’umanità, compagnia della nostra specie in ogni luogo ed in ogni epoca. Pochi, però, conoscono le origini mitiche di quest’erba, strettamente connessa con gli inferi greci.

Menta ed Ade

Secondo la leggenda, Menta era una ninfa bellissima, figlia di Cocito, uno dei 5 fiumi degli Inferi. In breve tempo sarebbe diventata la concubina prediletta di Ade, scontrandosi con le ire di Persefone, nuova regina del regno sotterraneo. Si narra che Menta, dopo aver provocato quest’ultima riguardo le sue abilità a letto, sia stata da lei uccisa e fatta a pezzi. Ade, però, ebbe pena per la sua concubina e decise di tramutarla nell’erba a noi tanto nota. Sarà Demetra, infine, a porre al vegetale la condizione di sterilità, punizione postuma per l’attentato al matrimonio.

Menta

Tracce di questa leggenda si trovano tutt’oggi in Grecia, specialmente nella regione dell’Elide, dove sorge il monte Menta. Proprio su quest’ultimo, si trova uno dei rarissimi templi dedicati ad Ade, circondato da un bosco sacro a Demetra. Proprio per la sua connessione con il mondo dei morti, la menta venne considerata a lungo centrale per i misteri eleusini, riti mistici della Grecia antica.

Sterile?

Nel mito si affronta anche una delle caratteristiche più interessanti della menta, ovvero la sua sterilità. Molti ignorano, infatti, che esistono svariati cultivar di questa specie, svariati dei quali sterili. L’esempio più noto è sicuramente quello della menta piperita, una delle più conosciute ed utilizzate in assoluto. Quest’ultima, infatti, non è una specie che cresce spontaneamente, bensì frutto dell’incrocio fra Mentha spicata e Mentha aquatica. Dall’unione delle due nasce una delle tipologie più forti ed intense della pianta, utilizzata tutt’oggi per la produzione di dentifrici, distillati e molto altro ancora.

Menta

Ad oggi i maggiori produttori sono il Marocco con il 92% della produzione mondiale e l’Argentina, che va a coprire il restante 8%. Tuttavia la specie cresce in tutto il mondo in maniera spontanea e la si può trovare in ognuna delle nostre regioni.

Proprietà

Tutto il genere di piante gode di proprietà antisettiche e antivirali grazie alla sua incredibile abbondanza di polifenoli. Gode inoltre di proprietà antispastiche, balsamiche e sedative e si rivela un’incredibile alleato nella lotta alle mosche.

Menta

Ultimo, ma non per importanza, la menta è fortemente consigliata per far passare la nausea, anche da auto. Un suggerimento per il viaggio di ritorno.

Breve storia del peperoncino in Italia. Seguiteci sulla nostra pagina Facebook e Instagram, il vostro appuntamento quotidiano con il lifestyle sostenibile. 

, ,
5 frutti e verdure da scoprire
Mantero
Tessuti sostenibili sul Lago di Como: il caso Mantero

Potrebbe interessarti

Menu