Parchi a Milano: Parco Nord

Dopo avervi portato al Parco Sempione e al Parco Palestro, è tempo di avventurarci poco fuori i confini cittadini, per andare in quello più grande in assoluto nel capoluogo lombardo. Il Parco Nord, con i suoi 640 ettari e la comodità di essere collegato con la metro, è uno dei giardini più intriganti di Milano.

Storia

Il parco vede le sue origini sulle aree dismesse, dopo la Guerra, dalla Breda Aeronautica, area che fu fin da subito abbandonata e, per questo sfruttata fin da fine anni “60 dai milanesi con questo scopo. Il riconoscimento ufficiale a parco dovrà però aspettare diversi anni, venendo confermato solo nel “75. Proprio per questo, i primi lavori di riforestazione risalgono solo al 1983, rendendolo anche uno delle aree verde più recenti del panorama cittadino. Il Parco Nord è il più grande nella provincia di Milano, estendendosi anche in altri paesi del suo hinterland. A differenza dei precedenti due, infatti, la sua enorme estensione ha fatto sì che fin dalla sua nascita fosse diviso in più comuni di quell’area come, ad esempio, Sesto San Giovanni e Cinisello Balsamo.

Parco NordFlora e fauna

Con i suoi oltre 350 ettari di verde, il parco ospita zone di ogni tipo, passando da veri e propri piccoli boschi, al lago artificiale di Niguarda. Quest’ultimo si estende per ben 1000 metri quadri, con una profondità massima di 4 metri ed una grande vastità di animali al proprio interno, fra cui il tritone crestato e l’airone cenerino.

Parco NordNon solo di legati al lago, però, la quantità di animali resta sorprendente con specie quali sparvieri, cinciallegre, volpi e conigli selvatici, solo per citarne alcuni. Per quanto riguarda il genere vegetale, invece, la scelta è forse ancor più vasta.

Il parco ha infatti scelto di optare sopratutto per le specie autoctone ma non più coltivate dall’uomo, trasformando l’area in un vero e proprio rifugio nel quale possano svilupparsi appieno. La bontà del lavoro fatto ha dato i suoi frutti, riportando a Milano fiori quali i bucaneve, non più presenti da anni in città. Nonostante i lavori delle guardie forestali, però, nel parco si sviluppano anche molte specie aliene ed infestanti, prontamente rimosse una volta avvistate.

Mezzi

Per raggiungere il Parco Nord potete prendere la linea della metro M5 e scendere a Bignami, oppure usare i tram 4 e 31 che passano proprio nei suoi pressi. All’interno dell’area verde sono inoltre presenti diverse scuole, un’ospedale, un piccolo aeroporto e perfino la villa a Brusuglio di Alessandro Manzoni.

Settimana Slow: godersi il momento. Seguiteci sulla nostra pagina Facebook e Instagram, ogni giorno il vostro Diary of Slow Living

Parco Nord

Via dei Mille
Via dei Mille, profumo di Sicilia
monopattino
Tour europeo sostenibile? Fatelo in monopattino!

Potrebbe interessarti

Menu