Il Brando di Tetiaroa, oasi naturale a 360°

Nel 1967, una volta terminate le riprese di “Gli ammutinati del Bounty”, Marlon Brando rimase tanto incantato dalle meraviglie della Polinesia, da acquistare poco dopo un’intera isola. Tetiaroa si è trasformata da allora in un’oasi esclusiva, mantenendo però un legame profondo con il celebre attore. Il premio Oscar vedeva infatti questo luogo come un piccolo Eden, da mantenere il più possibile libero ed incontaminato.

BrandoIl Brando

Proprio seguendo quest’ottica, la casa si è rivoluzionata, lasciando però invariato il suo profondo legame con la natura di questi luoghi. A seguito della morte dell’attore, la proprietà è stata prima trasformata in residence e poi dotata dei migliori sistemi di risparmio energetico. L’azienda SMA ha infatti dotato la struttura di un sistema di approvvigionamento tanto efficace quanto rivoluzionario. Il Brando è dotato di un sistema ad energia solare, supportato a sua volta da un impianto a batteria che garantisce corrente elettrica anche in condizioni avverse.

Brando

L’impianto elettrico del Brando

L’impianto di SMA è il primo in tutta la Polinesia francese e, con una potenza di oltre 1 MW, riesce a soddisfare il 60% del fabbisogno energetico locale, permettendo così di risparmiare oltre 500’000 litri di carburante. Inoltre il sistema di climatizzatore ad acqua marina riduce il consumo di oltre il 90%, mantenendo comunque standard d’incredibile qualità. Per questi suoi molti meriti, il residence ha ottenuto la certificazione LEED Platinum, una delle più importanti in assoluto per questo settore, confermandosi come uno degli hotel più green in assoluto.

A Tahiti con Gauguin. Seguiteci sulla nostra pagina Facebook e Instagram, ogni giorno il vostro Diary of Slow Living.

,
Shell Eco Marathon
La Shell Eco-Marathon 2019
Askoll
Askoll, re delle bici

Potrebbe interessarti

Selected Grid Layout is not found. Check the element settings.
Menu