ASviS, l’Italia e lo Sviluppo Sostenibile

Cominciato il 21 maggio, il Festival dello Sviluppo Sostenibile organizzato da ASviS durerà ben 17 giorni, portando al Bel Paese un nuovo modo per comprendere ciò che ci sta attorno, anche in vista dell’Agenda 2030 voluta dall’Onu. Quali sono ostacoli ed opportunità per permettere all’Italia una vera transizione da un modello economico attuale ad uno più sostenibile? Quali sono i passi avanti, o meno, svolti dal nostro paese in vista di questo impegno, ormai non così lontano? Per rispondere a queste domande, ASviS ha realizzato un vero e proprio percorso di oltre 900 tappe, al fine di rispondere nella maniera più accurata possibile. Un festival che non sarà quindi legato ad una singola città, ma che si pone, anzi, l’obbiettivo di essere “italiano” e attento a tutti i suoi cittadini, a prescindere da origini e condizione sociale.

ASviS

Il padiglione Italia ad Expo 2020

Per gli organizzatori, infatti, il successo è quello di far davvero qualcosa per l’ambiente, eliminando il dannosissimo atteggiamento italiano di scaricare problemi e colpe su altri. Il cambiamento climatico è qualcosa di globale e come tale va affrontato, in caso contrario sarà solo tempo perso. Non è un caso che, proprio alla conferenza meneghina del 28 maggio, verrà presentato anche il padiglione italiano di Expo 2020, tutto a tema sostenibilità.

Una conferenza preziosa e per tutti

L’evento avrà un ruolo centrale in tutta la manifestazione, ribadendo la centralità del capoluogo lombardo in questo processo di trasformazione socio-economica. Proprio qui, infatti, venne firmato nel 2017 il “Patto di Milano“, con il quale moltissime delle più importanti realtà locali s’impegnavano ad uno sviluppo che tenesse fortemente conto degli obbiettivi dell’Agenda 2030. 

ASviS

#2030whatareUdoing?

Alla conferenza, non a caso, saranno presenti proprio coloro che la sottoscrissero 2 anni fa, portando i risultati da loro raggiunti in quest’arco di tempo. Il tutto si è già rivelato un’incredibile successo, arrivando in brevissimo tempo al “tutto esaurito” e spingendo ASviS ad organizzare qualcosa di globale e per tutti. Sarà infatti possibile seguire la diretta su tutti i social dell’iniziativa (Facebook, Instagram, Twitter, Linkedin e Youtube) oltre che sul loro sito e su quello di Ansa, con la possibilità di commentare in diretta. Il futuro è ecosostenibile e passa per Milano.

Slow Fish 2019 a Genova, fra alimentazione ed inquinamento. Seguiteci sulla nostra pagina Facebook e Instagram, ogni giorno il vostro Diary of Slow Living.

 

Prada
Prada: “Stop a pellicce entro il 2020”
Save the Duck
Save the Duck, i piumini animalisti conquistano l’Everest

Potrebbe interessarti

Selected Grid Layout is not found. Check the element settings.
Menu