Cipolle, tesoro antico

Una delle verdure più utilizzate al mondo fin dall’alba dei tempi, oggi vi raccontiamo la storia della cipolla , eroina di ogni tavola del Bel Paese.

Da sempre compagnia dell’uomo

La storia di questo incredibile ortaggio si perde nell’alba dei tempi, tanto da non sapere tutt’oggi da dove provenga. Ritrovata persino in tombe del 5000 a.c., la cipolla si iniziò a coltivare in Egitto a partire dal 2000 a.c. dove, assieme all’aglio, formò la dieta di base degli schiavi, oltre ad esser adorata come divinità. Resti di questa verdura sono infatti stati ritrovati persino nelle orbite del faraone Ramses II, il più grande dell’intera Storia egiziana. Il suo utilizzo divenne però presto molto popolare dall’altra parte del Mediterraneo, dove divenne ingrediente fisso nella dieta di ogni greco e romano. Fin da quell’epoca si pensava che potesse avere la proprietà di alleggerire il sangue, oltre a rassodare i muscoli dei gladiatori. Nel medioevo divenne poi tanto importante per la vita umana, da diventare vera e propria moneta di scambio, tanto da effettuare vere e proprie transazioni a base di cipolle.

cipollaCon la scoperta dell’America si diffuse anche oltreoceano, diventando in assoluto uno degli ingredienti più conosciuti ed apprezzati al mondo. La sua incredibile capacità di adattarsi alle intemperie le hanno poi permesso di diffondersi in tutto il globo, donando il suo nome ad intere località. Un esempio? Chicago, che in lingua Algonchina vuol dire “campo di cipolle”.

Panacea per il corpo

L’incredibile popolarità di questo prodotto è da attribuire a 3 diversi fattori: crescita, gusto e proprietà benefiche. Se tutti conosciamo il suo incredibile sapore, non molti sanno delle grandi proprietà terapeutiche, determinanti per il suo successo nel mondo. La cipolla ha infatti è elemento fondamentale per la cura di molti mali e ha al suo interno molte sostanze tutt’oggi utilizzate in medicina. Grazie alla sua alta percentuale di cromo e di composti solforati, è in grado di prevenire la glicemia, la sclerosi e buona parte delle malattie cardiache. Inoltre ha al suo interno numerosi flavoinodi, che sembra siano anticancerogeni, e viene tutt’oggi utilizzata come principio attivo di creme cicatrizzanti; vera e propria panacea per il corpo.

cipolla

Cipolle rosse di Tropea

Fra le varietà italiane non possiamo non citare la celeberrima “cipolla rossa di Tropea”, probabilmente uno dei prodotti più conosciuti ed apprezzati di tutto il Bel Paese per gusto.

La Brexit e i suoi effetti sull’agricoltura. Seguiteci sulla nostra pagina Facebook e Instagram, ogni giorno il vostro Diary of Slow Living.

,
Slow Fish
Slow Fish 2019 a Genova, fra alimentazione ed inquinamento
Ortica
Ortica, un mondo dietro le punture

Potrebbe interessarti

Selected Grid Layout is not found. Check the element settings.
Menu