Il Capri Palace inaugura la sua bella stagione

Con l’arrivo di Pasqua, si riapre la stagione dei grandi alberghi, uno in particolare ha però colpito la nostra attenzione. Il Capri Palace di Anacapri è sicuramente uno dei più interessanti di tutto il Mediterraneo grazie alla sua arte e alla sua originalità

Spirito isolano

L’hotel rappresenta da decenni una delle eccellenze dell’isola, mettendo in luce in particolare lo spirito di Anacapri, località più impervia della co-isolana e per questo preservata dalle troppe contaminazioni. A quest’anima assolutamente isolana, nel 1975 Tonino Cacace, allora proprietario, unì l’amore per l’arte, antico amore di Capri. Già l’imperatore Tiberio aveva introdotto sculture su questa terra meravigliosa, il Capri Palace va in un certo senso a riprendere queste tradizioni, aggiornandole però ai nostri tempi.

Capri PalaceNella struttura l’arte occupa un ruolo rilevante – in considerazione delle numerose opere, di artisti famosi e minori, esposte nelle aree comuni – e ben si sposa con l’ospitalità italiana, così apprezzata da tutti gli ospiti. Anche nelle camere, 69 in tutto, si apprezzano i tratti artistici o cinematografici che le hanno ispirate. Il Capri Palace vanta due ristoranti stellati: L’Olivo, due stelle Michelin dal 2011, che si trova all’interno della struttura e Il Riccio, una stella Michelin dal 2013, ristorante e beach club del Capri Palace sito, appunto, in una posizione invidiabile proprio di fianco alla Grotta Azzurra. La Capri Beauty Farm, infine, propone agli ospiti una serie di trattamenti esclusivi, tra cui la rinomata Scuola delle Gambe.

Siete pronti ad innamorarvi ancora una volta di quest’isola incredibile? L’albergo ha da poco riaperto per la nuova stagione, probabilmente siete ancora in tempo per un weekend fatto di arte e di mare.

Scoprite di più sul loro sito, seguiteci sulla nostra pagina Facebook e Instagram, ogni giorno il vostro Diary of Slow Living.

, ,
Cilento
Cilento, terra da scoprire
Strasburgo
Strasburgo, grandezza nascosta

Potrebbe interessarti

Menu