Cornici di legno riciclato, stile ed ecosostenibilità

Proprio oggi guardavamo il nostro ufficio e ci domandavamo come dare a quest’ultimo un tocco più “nostro”, la soluzione è molto più semplice, economica e originale di quel che pensavamo

Cornici riciclate, due pregi in uno

Le soluzioni migliori sono sempre le più semplici e anche questo è il caso. Nel corso della nostra vita buttiamo e rompiamo centinaia di kg di legno, una buona idea potrebbe essere quella di conservarli e dargli nuova vita. La legna “riciclata”, però, non sempre è la più resistente, inoltre è spesso difficile trovare le forme adatte ad oggetti minimamente elaborati quali sedie e tavoli. Questo il motivo che ci ha spinto ad optare per delle cornici in questo materiale. 

cornici legnoQuest’ultime infatti non necessitano di particolari misure e sono oggetti fondamentalmente di arredamento, un po’ di estro non guasta. La cosa più divertente sarà infatti quella di divertirsi a personalizzare al 100% la nostra cornice, trasformandola in una vera e propria opera d’arte a sé stante. Potremmo infatti decidere di combinare insieme 2 legni diversi e colorarli alla stessa maniera, o fare esattamente il contrario. 

Possibilità infinite e gratuite

Altro dettaglio fondamentale è poi il costo, nel peggiore dei casi fissato a zero e nel migliore verrete anche pagati. In molti sono lieti di smaltire la propria legna in eccesso e non vedranno l’ora di potersene sbarazzare, rendendo voi più ricchi. Una volta imparati a riconoscere i legni giusti, potrete anche utilizzare le vostre cornici come vere e proprie “tele da intagliatore”, aumentando sempre di più le vostre abilità di carpentiere e dandovi la possibilità di fare vere e proprie opere d’arte. 

In questa maniera, non solo avrete qualcosa di bello e gratis, ma sarà vostro al 100%, roba che nemmeno i negozi più personalizzati riuscirebbero a fare.  Seguiteci sulla nostra pagina Facebook e Instagram, ogni giorno il vostro Diary of Slow Living.

cornici legno

 

,
candela
La candela da ieri a oggi
Slow
Settimana Slow: godersi il momento

Potrebbe interessarti

Menu