Secondo degli studi, il mercato delle auto in Italia avrà un calo del 7,5 %, una notizia naturalmente poco positiva, ma che farà felice l’ambiente. Vi è un crollo nelle auto a diesel, mentre sia ibride che elettriche mostrano grandi segnali di crescita.

La risalita del Green

auto

Fiat Panda

Il mondo green è in crescita e i segnali sono ogni giorno sempre più forti ed evidenti anche in campi apparentemente ostili. Vi avevamo già parlato del rinnovato interesse di Ford e Volkswagen per l’elettrico, sembra che questa tendenza si stia sviluppando sempre di più, diventando un vero e proprio trend di mercato. In Italia poi pesa anche il provvedimento del governo che entrerà in vigore a marzo, una tassa che spingerà ancor di più gli acquirenti a puntare, volenti o nolenti, sul sostenibile.

I numeri sono comunque impressionanti e vedono il diesel in netta picchiata con un -31,4% di auto vendute, il primo a risalire è la benzina che cresce del 27,8%, seguita da ibride al 17,8% e dalle elettriche che registrano un +9,3%. C’è da dire che però la strada da fare è ancora molta, le quote di mercato sono ancora a netto appannaggio di benzina e diesel, la prima al 45,1% e la seconda al 41,1%, la strada però è spianata ed è probabile che sempre più politici spingeranno proprio su questo tasto.

Top 3 

auto

Lancia Y Ecochic

Ma quali sono le auto più vendute? Sono anche loro eco-friendly o sono tutte “oil oriented”? La risposta è un altro segnale della “speranza verde”: i primi 2 modelli sono disponibili anche con metano. Si tratta della Fiat Panda, auto più venduta del momento, e della Lancia Ypsilon, auto che ha festeggiato i suoi 30 anni proprio nella nostra sede. Per entrambi i modelli esiste la possibilità di acquistarli in versione GPL o metano, la Lancia in particolare ha una versione chiamata “ecochic” che si pone proprio l’obiettivo di mantenere il proprio stile, con un occhio però alla sostenibilità. Non c’è che dire, il futuro dovrebbe, davvero, essere green. Seguiteci sulla nostra pagina Facebook e Instagram, ogni giorno il vostro Diary of Slow Living.

Menu