Sostenibilità e innovazione al centro del G7 Taormina 2017.

Per la tappa siciliana del Vertice dei Capi di Stato e di Governo delle principali economie industrializzate – che segna la sesta Presidenza Italiana del Summit – largo spazio è stato dedicato ai temi della sostenibilità e dell’innovazione attraverso il progetto Taormina Smart.

Lanciato dalla Presidenza Italiana in occasione del G7 Taormina, il progetto mira alla valorizzazione del capitale umano, dell’educazione e della cultura Made in Italy, evidenziando il potere trasformativo delle scienze, dell’innovazione tecnologica e delle telecomunicazioni nell’ottica di una crescita equilibrata, inclusiva e sostenibile.

Tra le imprese innovative selezionate dalla Presidenza Italiana per il progetto Taormina Smart, Orange Fiber, l’azienda che ha brevettato e produce tessuti sostenibili dai sottoprodotti dell’industria di trasformazione agrumicola.

Sabato 27 maggio, nella suggestiva cornice della terrazza del ristorante La Baronessa, Adriana Santanocito ed Enrica Arena – Co-founder di Orange Fiber – hanno presentato alle First lady e Gentleman del G7 Taormina il primo tessuto sostenibile al mondo creato dagli agrumi e il suo innovativo processo di produzione attraverso l’allestimento di un percorso sensoriale realizzato per l’occasione.

Dalle arance alle preziose stoffe, passando per la cellulosa da agrumi e il filato, gli illustri ospiti sono stati accompagnati in un esclusivo viaggio alla scoperta delle bellezze della natura mediterranea, della creatività siciliana e dell’eccellenza e dell’innovazione che fanno grande il Made in Italy nel mondo.

Forte l’interesse e l’apprezzamento dell’illustre platea – composta dalla moglie del Presidente del Consiglio dei Ministri della Repubblica Italiana Emanuela Mauro, dalla moglie del premier canadese Sophie Trudeau, dalla Première Dame Brigitte Trogneux, dalla consorte del Primo Ministro giapponese Akie Abe, dalla First Lady americana Melania Trump, dalla moglie del Presidente del Consiglio dell’Unione Europea Malgorzata Tusk, dalla moglie del Presidente della Commissione Europea Christiane Frising, dalla Direttrice del Fondo Monetario Internazionale (FMI) Madame Christine Lagarde e da Joachin Sauer, marito della cancelliera tedesca Angela Merkel.

Gli ospiti hanno potuto toccare con mano i tessuti dagli agrumi e apprezzarne l’eleganza e la qualità attraverso gli esclusivi abiti e foulard della Ferragamo Orange Fiber Collection, la prima collezione moda creata con i tessuti Orange Fiber da Salvatore Ferragamo, indossati per l’occasione dalle fondatrici.

Orange Fiber è il nostro impegno per una moda più green ed eticamente corretta; è il sogno che con determinazione perseguiamo per far sì che si trasformi in una realtà capace di fare la differenza e contribuire ad un processo di sviluppo economico, sociale ed ambientale all’insegna della sostenibilità.

Presentare il nostro progetto a questa platea d’eccezione è stato un onore immenso e un’opportunità unica per puntare i riflettori sui temi della sostenibilità e dell’innovazione e per valorizzare la creatività, il saper fare e l’eccellenza del più autentico Made in Italy.

Ringraziamo di vero cuore la Presidenza Italiana per aver scelto la nostra azienda in rappresentanza dell’innovazione del nostro Bel Paese e gli ospiti intervenuti per l’apprezzamento e il calore dimostrato.

Così Adriana Santanocito ed Enrica Arena – Co– founder di Orange Fiber – hanno descritto l’incontro organizzato nell’ambito del progetto Taormina Smart che gli ha permesso di presentare ad un pubblico di primo rilievo la loro realtà innovativa dal cuore siciliano e dalla vocazione internazionale.

pg