Il  camu-camu è un piccolo frutto che cresce nelle foreste pluviali peruviane e brasiliane, il suo sapore è aspro, simile a quello degli agrumi. Il frutto essiccato e polverizzato, viene consumato miscelandolo con frutta o succo di frutta. Il camu-camu ha la più alta quantità registrata di vitamina C naturale tra i vegetali. Mentre le arance forniscono 500/4.000 ppm di vitamina C, il camu-camu ne fornisce fino a 500.000 ppm, ovvero circa 2 grammi di vitamina C per 100 grammi di frutta. Rispetto alle arance, quindi, il camu-camu fornisce circa 100 volte maggiore contenuto di vitamina C, dieci volte il ferro, il doppio di riboflavina, e il 50% in più di fosforo. Il camu-camu è anche una fonte importante di potassio, ben 711 mg per kg di frutta. Esso ha anche una gamma completa di minerali e aminoacidi che possono aiutare l’assorbimento della vitamina C. Contiene anche beta-carotene, calcio, leucina, proteine, serina, tiamina, e valina.

Un superfood ideale, quindi, per i cambi di stagione perché rafforza il sistema immunitario. Come con qualsiasi frutta ricca in vitamina C, tuttavia, il tempo tra la raccolta e il consumo è cruciale, il frutto può perdere fino ad un quarto del suo contenuto di vitamina C in meno di un mese (anche se congelato) ed è per questo che lo si trova in commercio più facilmnete in polvere. La proprietà forse più interessante del camu-camu è la sua efficacia come naturale anti-depressivo, utile per il rientro a lavoro dopo un periodo di vacanze. Nei casi più gravi, si è visto che molti pazienti, grazie al camu – camu, associato ad altri rimedi, sono riusciti ad abbandonare l’uso di psicofarmaci. Un’altra proprietà medicinale del camu-camu è la sua capacità di alleviare emicranie causate dalla tossicità di alcuni cibi o da sostanze volatili come le vernici. Va ricordato anche che, la forte presenza di vitamina C, quindi le proprietà antiossidanti di questo frutto, lo rendono ottimo per la prevenzione delle malattie degenerative tipo la demenza e l’Alzheimer.

Un superfood portentoso!

 

pg