Si tratta ancora una volta di un progetto innovativo di giovani imprenditori italiani ad aggiudicarsi il Global Change Award della H&M Foundation di Stoccolma. Dopo i tessuti sostenibili di Orange Fiber – ottenuti dai sottoprodotti agrumicoli della spremitura delle arance – arrivati terzi all’edizione dell’anno scorso, quest’anno il primo premio è andato a WineLeather, l’innovativa pelle 100% vegetale ottenuta dalle fibre e dagli oli della vinaccia. Il Global Change Award, alla sua seconda edizione, è già considerato il premio internazionale più importante per il sostegno che garantisce ai progetti innovativi che stimolano una economia circolare della moda: per una moda che non inquini e rispetti le risorse naturali del pianeta.
Come per le arance siciliane di Orange Fiber, l’dea della pelle vegetale ricavate dagli scarti della produzione del vino non poteva che nascere in Italia, come ha anche spiegato l’architetto Gianpiero Tessitore, fondatore di Vegea, società milanese nata nel 2016 per la produzione di pelli vegetali sostenibili ed ecologiche che ha sviluppato il procedimento per la produzione della Wine Leather.
Solo l’anno prima, l’Azienda catanese Orange Fiber, selezionata da una giuria di esperti fra più di 2.700 progetti provenienti da 112 Paesi diversi, aveva condiviso con altri 4 progetti la vittoria del Global Change Award, aggiudicandosi un premio in denaro di € 150.000 (su un grant totale di €1 milione) e un anno di accelerazione offerto dalla H&M Foundation in collaborazione con il KTH Royal Institute of Technology di Stoccolma e Accenture per sviluppare il progetto.

 

Enrica Arena, co-fondatrice con Adriana Santanocito del brand di tessuti sostenibili, è tornata a Stoccolma su invito della H&M Foundation per condiviere la propria esperienza di vincitrice della passata edizione con i nuovi finalisti del Global Change Award, testimoniando i progressi realizzati nel corso dell’ultimo anno, anche grazie al programma di accelerazione offerto dalla H&M Foundation.

In aree allestite appositamente, Orange Fiber ha potuto inoltre esporre le nuove varianti di tessuto sostenibile dagli agrumi: un twill, un popeline ed un jersey, di colore bianco naturale e nero.

Orange Fiber ha dimostrato di avere colto le opportunità di crescita e sviluppo offerte dal premio, sfruttando efficacemente il grant, le consulenze specialistiche ricevute e la rete di relazioni intrecciate con gli attori del sistema moda e manifatturiero, riuscendo così a realizzare grandi progressi nello sviluppo del proprio progetto.

 

In occasione della cerimonia di premiazione della nuova edizione del Global Change Award, avvenuta il 5 aprile alla presenza di Sua altezza reale la Principessa Victoria di Svezia e di Karl-Johan Persson (CEO H&M) e degli altri illustri ospiti intervenuti all’evento, Enrica Arena ha indossato in anteprima assoluta uno dei capi della prima collezione moda realizzata in esclusiva con il tessuto Orange Fiber da una celebre e storica casa di moda italiana.

Il lancio ufficiale della Capsule Collection e il nome della griffe che firma la collezione verranno resi noti alla stampa in occasione dell’Earth Day, il prossimo 22 aprile. Quale migliore occasione per celebrare e rendere omaggio al Pianeta? Noi di TheLife non mancheremo di mostrarvi le prime immagini della collezione.

 

Info: orangefiber.it