La Copenhagen International School vanta la facciata solare più grande al mondo

On marzo 14, 2017 by Green Dandy

Gli addetti ai lavori la chiamano “integrazione architettonica” ed è la massima aspirazione degli architetti che devono progettare e realizzare edifici dotati di pannelli solari. L’operazione è egregiamente andata in porto a Copenhagen, con la inagurazione di una scuola internazionale che vanta ben 12mila moduli solari verde marino sulla sua facciata. E segna subito un record, diventanto l’edificio con la più estesa facciata fotovoltaica al mondo.

Siamo abituati a vedere i pannelli solari – specie di finestre oscurate – sospesi sui tetti delle case o posate per terra, su superfici che non possono avere altro utilizzo, con un effetto estetico finale non proprio felice. E di fatti, nel progetto originale, sviluppato dallo dallo studio di architettura C.F. Moller Architects, era prevista l’installazione di un impianto fotovoltaico proprio sul tetto. Nella revisione finale, gli architetti hanno scelto invece di optare per una soluzione integrata del fotovoltaico nella facciata, consentendo una maggiore versatilità di forme e strutture, unita a un risultato estetico decisamente più accattivante.

Secondo le stime la facciata solare sarà in grado di fornire circa 300 MWh l’anno, l’equivalente di 70 abitazioni, soddisfacendo oltre la metà del fabbisogno energetico annuo della scuola.

Ma non si tratta solo della specifica soluzione architettonica e funzionale dell’impianto fotovoltaico in questione. Oltre ad essere la facciata fotovoltaica più grande al mondo, infatti, altro pregevole dato tecnologico è la maniera in cui alcuni ricercatori del Politecnico federale di Losanna (EPFL)  hanno messo a punto il particolare colore verde marino dei pannelli. L’omaggio è chiaramente al simbolo della città, la statua della Sirenetta, e realizzato tramite uno studio molto complesso sulle interferenze luminose.

Con questa metodologia per nulla semplice, i riceratori sono arrivati a mettere a punto una cartella colori varia: dal rosso mattone, al blu reale, al giallo dorato, oltre al verde marino utilizzato per la scuola danese, ovviamente.

Con una scuola talmente innovativa e così esclusiva, si spera che i 1200 studenti che vi seguiranno i loro corsi, saranno all’altezza.

p.g.