bimbo-e-margheriteAl momento del cambio- pannolino, il suo sederino è visibilmente arrossato, a volte screpolato e il piccolo, a ragione, ci fa capire con interminabili pianti che qualcosa non va. L’irritazione del sederino è un inconveniente frequente nel bambino piccolo, può capitare fin dalle primissime settimane di vita, anche se solitamente si accentua quando lui impara a stare seduto. Qual è la causa? E come risolvere il problema? Un’igiene accurata è certamente la cura migliore, da affiancare all’uso quotidiano di creme specifiche e di un rimedio naturale ad hoc.

Le cure naturali

Gli arrossamenti non sono mai sintomi di una malattia grave e, se curati bene, tendono a scomparire nel giro di pochi giorni, una settimana al massimo.

Il bagnetto lenitivo al bicarbonato

Per lavare il nostro bambino usiamo semplicemente acqua tiepida. Una volta al giorno facciamogli il bagnetto aggiungendo all’acqua un cucchiaio di bicarbonato o amido di riso. In alternativa, aggiungiamo 25 gocce di calendula in tintura madre.

Gli impacchi all’elicriso

Facciamo delle spugnature sulla parte arrossata intingendo una garzina di cotone in un infuso realizzato con 1 litro d’acqua bollita e 4 manciate di elicriso. Utili anche delle toccature con olio di oliva puro.

La crema alla calendula

A ogni cambio di pannolino applichiamo sulla parte una dose di crema a base di ossido di zinco e principi attivi lenitivi come per esempio il colostro o la calendula. E alla fine un po’ di talco all’argilla.

Cambialo più spesso

I moderni pannolini in materiale plastico vanno cambiati spesso (ogni 2-3 ore), perché possono essere la prima causa di arrossamenti. Se poi il piccolo sta mettendo i dentini, è debilitato dopo una malattia o ha la gastroenterite, a causa delle feci più acide, può più facilmente essere soggetto a un’irritazione generale delle mucose e, quindi, anche delle zone intorno al sederino.

Usa gli oli per lavarlo

Pochi semplici accorgimenti possono risolvere più facilmente la situazione:

  1. Curiamo di più l’igiene del bambino, lavandolo più spesso.
  2. Usiamo gli oli per la detersione oppure semplice acqua. Riserviamo le salviettine detergenti a casi di emergenza, quando per esempio siamo fuori casa.
  3. D’estate al mare, lasciamolo quando è possibile scoperto, senza pannolino.
  4. Dopo il bagnetto, asciughiamo molto bene il bambino, tamponando la pelle con un asciugamano morbido, senza sfregare. L’ambiente umido favorisce la comparsa di micosi.

Fonte: riza.it, Figli Felici.