Si svolgerà dal 22 al 30 novembre l’edizione 2014 della settimana europea per la riduzione dei rifiuti. Ancora una volta, i numeri fatti registrare nel nostro Paese sono importanti: 5.643 azioni validate, a conferma di come “la Settimana” riscuota un crescente successo e di come sia ormai una delle principali e più ampie campagne di informazione e sensibilizzazione dei cittadini, europei e non solo, circa l’impatto sull’ambiente e sui cambiamenti climatici dei nostri stili di vita e dei nostri consumi.

settimanaRaccoltaRifiuti-e1368519265580

 

 

Il tema dell’edizione 2014 è la lotta allo spreco alimentare. E in questo i partecipanti si sono davvero sbizzarriti, con azioni vanno da concorsi di cucina con gli avanzi a laboratori di compostaggio con gli scarti organici, dal recupero delle eccedenze alimentari di negozi e cooperative agricole alla formazione di catene di ecoristoranti. L’obiettivo primario della Settimana è il coinvolgimento attivo di cittadini, istituzioni e imprese. Tra i partecipanti alcuni grandi gruppi come Intesa Sanpaolo, che realizzerà azioni in tutte le sue filiali, il gruppo Simply Market e Auchan, che in tutti i loro punti vendita sensibilizzeranno i clienti ad un consumo consapevole e ad una riduzione degli sprechi, Autogrill, con il suo punto vendita a Villoresi Est (sull’autostrada A8), Humana People to People con la raccolta straordinaria di abiti usati e il Mercatino con l’organizzazione di mercatini in tutti i punti vendita d’Italia. Le azioni in Italia sono state realizzate da oltre 400 project developer diversi in tutte le 20 regioni Italiane: nell’ideale podio delle iniziative primeggia la Lombardia, che realizza il maggior numero di azioni, seguita dal Piemonte. Al terzo posto si piazzano a pari merito due grandi regioni del Sud, Campania e Sicilia. La SERR, che si avvale del sostegno della Commissione Europea, in Italia è patrocinata da UNESCO, Presidenza della Repubblica, Camera dei Deputati, Senato della Repubblica e Ministero dell’Ambiente.