conf stampa greenpeace 003

“Una moda senza sostanze tossiche è possibile”. E’ questo il messaggio lanciato da Greenpeace al numeroso pubblico di giornalisti attenti che ha seguito questa mattina, lunedì 22 settembre, i lavori della conferenza stampa presso il Circolo della Stampa di Milano dove, tra i presenti, c’era anche la redazione di “The Life Style Journal”. Obiettivo: informare in merito agli sviluppi della campagna Detox e presentare le 6 aziende della filiera a valle che hanno sottoscritto l’imepegno ad eliminare le sostanze chimiche pericolose dalle loro lavorazioni. Stiamo parlando di Besani rsl, Berbrand, Italdenin, Gruppo Miroglio, Tessitura Attilio Imperiali e Zip GFD che, tra i primi, hanno aderito alla sfida lanciata due anni fa da Greenpeace ai più importanti brand dell’Alta moda con il progetto #TheFashionDuel. “L’impegno di queste aziende ci dimostra come una moda senza sostanze tossiche sia possibile e alla portata del mercato. Quello che sottoscrivono infatti ha un livello di ambizione mai raggiunto da qualsiasi altro impegno Detox finora” ha dichiarato Chiara Campione, responsabile del progetto #TheFashionDuel di Greenpeace, che ha chiesto e ottenuto da queste aziende non solo l’adesione all’impegno Detox per il futuro, ma anche la pubblicazione dei risultati del lavoro svolto finora in questa direzione. Negli ultimi anni, ad esempio, il Gruppo Miroglio ha dato seguito ad importanti investimenti in nuove tecnologie di stampa di ultima generazione nell’ottica dell’eco-sostenibilità, con notevoli riduzioni di consumo di acqua, energia ed emissione di CO2. Tutto questo dimostra che si può pensare e produrre una moda più pulita, che non costi la salute del Pianeta, in attesa che sempre più marchi possano finalmente passare dalla parte di coloro che garantiranno alle nuove generazioni un futuro libero da sostanze tossiche.