Dal 15 al 31 luglio il Class 40 di Marco Nannini porta i colori del progetto di Boat Ecology sulle coste e nei porti del Mediterraneo per mostrare e dimostrare il vivere sostenibile.

Continua il nostro viaggio insieme a Verde Come Vela, l’iniziativa promossa dalla rete d’impresa Boat Ecology per dimostrare come sia possibile ridurre l’impatto quando si naviga.

Dopo la 151 Miglia e la Giraglia Rolex Cup, il Class 40 timonato da Marco Nannini torna a veleggiare con una nuova iniziativa di Verde come Vela: un viaggio documentario  lungo le coste del Tirreno, che toccherà porti e località turistiche per sensibilizzare le marine e gli armatori sulle molte possibilità di andar per mare in modo più sostenibile e adottare accorgimenti anche a terra che rendono barche e porti più eco-efficienti.

Partenza domani  15 luglio dalla Marina di Fezzano, prima tappa Viareggio il 16 con una visita al distretto cantieristico Angelini Navigo Toscana e iniziative con i ragazzi della scuola vela. Il 17 luglio prua puntata su Cala de Medici, dove sono previste attività di screening e di coinvolgimento degli armatori.

 

Verde come Vela

Dopo la sosta a Punta Ala il 19 luglio, sarà la volta di Cala Galera (21 luglio), dove verrà coinvolta la scuola vela, e di Riva di Traiano (22 luglio). Ultima tappa continentale alla base nautica Flavio Gioia di Gaeta il 23 luglio prima di far rotta verso la Sardegna. Olbia e Cagliari chiuderanno il viaggio documentario con una veleggiata ambientale e incontri istituzionali.

Questo viaggio sarà poi lo spunto per creare una sorta di “portolano” delle strutture più eco efficienti della Costa Tirrenica, nel frattempo scaricabile dal sito Verde come Vela un “Vademecum della Sostenibilità”.

Seguite il viaggio attraverso il sito e i social The Lifestyle Journal e Verde come Vela  

 

Verde come Vela ha avuto i patrocini del Ministero dell’Ambiente, del Ministero delle Attività Produttive e del Club Kyoto.