Ritornano le “Giornate Fai di Primavera” promosse dal FAI (Fondo Ambiente Italiano), due giorni per far conoscere luoghi inaspettati della nostro Paese a sempre più persone. Il FAI durante tutto l’anno insieme a volontari, cittadini, istituzioni e privati si occupa della tutela e del restauro di luoghi, monumenti, capolavori che hanno fatto e fanno la storia di questo Paese e della salvaguarda dell’ambiente e del paesaggio,  in modo che tutti possano goderne.7c67d49c345c30bb39bd8f7cb7a2c56964ceb6

Durante le Giornate FAI di Primavera, quest’anno alla , (Sabato 22 e domenica 23 marzo 2014) potranno essere eccezionalmente visitati luoghi spesso inaccessibili che fanno parte del patrimonio culturale e ambientale italiano. Questo weekend, 22 e 23 marzo, saranno oltre 750 i luoghi aperti in tutte le regioni d’Italia tra cui 120 aperture dedicate all’imperatore Augusto nel secondo millenario della sua morte.

Una dedica all’uomo che ha segnato una pausa nella vorticosa espansione dell’Impero Romano, pausa che gli ha consentito di ristrutturarlo e di farlo rinascere.

Tutti gli iscritti, potranno godere di visite e corsie esclusive, perché iscriversi al FAI è considerato un gesto civile e al tempo stesso un “privilegio”. Nell’ambito del progetto Arte. Un ponte tra culture,in molte città saranno, inoltre, proposte visite guidate in diverse lingue in modo da coinvolgere anche cittadini di origine straniera.

Itinerari culturali:

  • aree archeologiche,
  • percorsi naturalistici,
  • borghi, giardini,
  • chiese,
  • musei,
  • castelli
  • escursioni e biciclettate

I visitatori potranno avvalersi anche quest’anno di guide d’eccezione: saranno, infatti, oltre 22.000 gli Apprendisti Ciceroni®, giovani studenti che illustreranno aspetti storico-artistici dei monumenti.