Il progetto “Dove c’è Pasta C’è…” nato dalla collaborazione tra Barilla, Naba  e Y&R, ha visto tra i primi classificati di questa edizione gli studenti Gianmaria Cerutti, Yoogin Kim e Marco Imperiale della Nuova Accademia di Belle Arti  (NABA) con la performance  “Dove c’è Barilla, c’è Natura”.

Il pay off, incarna perfettamente la cultura ed i valori alla base del prodotto come semplicità, genuinità e natura, ovvero:

  • il legame con la natura,
  • il forte richiamo con la materia prima,
  • il legame con la terra,
  • l’autentica qualità dei sapori e degli ingredienti sani e genuini;
  • la cultura, nel rapporto con la fatica e il lavoro.

I ragazzi sono stati premiati da una giuria d’eccellenza come Michelangelo Pistoletto, Anna Mattirolo, Grazia Quaroni, Marco Scotini.

Listener

Durante la serata di premiazione, il campus NABA si è trasformato in un palcoscenico multimediale, dove i 18 creativi dei 6 gruppi finalisti del Dipartimento di Arti Visive e Multimediali NABA si sono esibiti attraverso un ciclo di rappresentazioni per un pubblico di circa 400 studenti, media e critici d’arte.

Lo scopo del progetto è quello di stimolare interpretazioni contemporanee del mondo della pasta attraverso la creatività dei talenti Naba.

Barilla_jhurry- manzoni - garra[1][2][3]

Barilla, da sempre sostiene l’arte e la cultura, ed è interessata oggi a stimolare nuovi linguaggi e creatività in comunicazione. L’obiettivo di Barilla è inoltre quello di valorizzare il fascino contemporaneo della pasta attraverso l’’energia di nuovi linguaggi artistici.